BackBackMenuCloseFermerPlusPlusSearchUluleUluleUluleChatFacebookInstagramLinkedInTwitterYouTubefacebooktwitterB Corporation

WEarch_maps

NOI siamo architettura ovverosia l'arte di rendere un WEEKEND architettonico

À propos du projet

ARCHI-ADDICTED?

Viaggiatori incalliti? 

Appassionati di architettura e design

Amanti della bella grafica

Ecco quello che fa per voi. E che mancava!

In un mercato dell’editoria di viaggio ormai saturo, le mappe/guide WEarch_maps vogliono essere una proposta alternativa e di nicchia. Elegante e pratica.

FOREFRONT EUROPEAN CITIES

Città europee, fuori dal circuito delle grandi capitali, spesso relegate a poche pagine all’interno di “mattoni cartacei” dedicati alla nazione di appartenenza, trovano respiro in queste edizioni pratiche che strizzano l’occhio al nuovo, in una veste grafica accattivante e minimale.

Città dalla forte riconoscibilità, che fanno dell’avanguardia e dell’innovazione i capisaldi della loro rigenerazione/trasformazione urbana e che intendono la tradizione come viatico per migliorarsi, slegandosi da una fissità insana.

Città dove il nuovo è al servizio della sostenibilità e della vivibilità, e di dimensioni tali da poter essere visitate e vissute nell'arco di un weekend.

Si inizia con Porto. La sua luce, gli azulejos. E la Scuola di Porto, capostipite di un modo di fare architettura che detta regole, dove essenzialità e semplicità sono presupposti impliciti.

E poi, in panchina, in attesa di entrare in campo, tante altre destinazioni. Ognuna con le proprie peculiarità e la voglia di innovare, riproporsi e reinventarsi costantemente, attraverso un sostrato di base che è fatto di storia, cultura e modus vivendi irripetibili.

Rotterdam, Basilea, Amburgo, Valencia, Milano.. E poi ancora..

ANDARE AL DUNQUE

In un pratico formato, architettura e design trovano casa. Una mappa 60x60 fronte/retro, in carta patinata opaca che consente una buona fruibilità e un'ottima resistenza, si richiude in un 15x15 con tre semplici pieghe a fisarmonica in un senso e altrettante nell'altro, ideale per essere riposta in borsa o nello zaino, senza doversi ricordare ogni volta il senso di piegatura. 

Un layout minimale, dalle linee semplici ma riconoscibili, punta ad andare direttamente al dunque. Senza fronzoli. 

Il naming introduce già quello che le mappe vogliono essere. WEarch scimmiotta il costrutto inglese WEare, calandolo nella sfera architettonica (e quindi, NOI siamo architettura), ma allo stesso tempo, con le prime due lettere maiuscole, riprende l’acronimo solitamente utilizzato per indicare il finesettimana (e quindi, l’arte di rendere un WEEKEND architettonico).

6 sezioni dai titoli curiosi e declinati al termine "architettura" dipingono lo skyline cittadino, facendone assaporare le atmosfere.

ARCHIGALAXY - dove l'architettura riscrive il pensiero progettuale, propone nuove tecniche e inaugura correnti che fanno storia (panoramica di emergenze architettoniche contemporanee, ognuna con silhouette grafica e testo descrittivo dedicato)

ARCHILOGY - le icone che si sono imposte e sono diventate emblemi, la tradizione al servizio del nuovo e del pensiero futuro (rassegna di architetture storiche con testo descrittivo dedicato)

ARCHITEK - i materiali e le tecniche costruttive che definiscono il linguaggio locale (grafiche esemplificative sul modo di costruire locale e itinerari tematici alternativi)

ARCHICHEESE - cannocchiali privilegiati e insoliti per ossessionati dalla regola dei 3/4 (elenco di punti panoramici per realizzare scatti indimenticabili)

ARCHISTAY - il design e il buon gusto al servizio dell'accoglienza, locali e sistemazioni beauty-addicted (proposte per locali e sistemazioni dagli interni memorabili)

ARCHICOMPASS - dalle parole ai fatti, la bussola per non perdersi, ogni cosa è al suo posto (una mappa della città, comprendente le zone periferiche, e uno zoom dettagliato sul centro storico, con il posizionamento di tutti i luoghi descritti e proposti e l'indicazione dei mezzi di trasporto per raggiungerli)

GOALS

L'obiettivo è quello di realizzare una WEarch_maps ogni 6 mesi, per ampliare al massimo la conoscenza delle meraviglie architettoniche sparse in tutta Europa, in una fruibilità da spendere prima, durante e dopo il viaggio. Layout comune e omogeneo, ma con elementi grafici diversi, come il font e le tonalità dedicate per ogni singola destinazione, un omaggio a chi ama cogliere i dettagli.

Altro traguardo sarà quello di produrre le versioni in inglese delle WEarch_maps, da poter proporre direttamente nei luoghi in cui le stesse hanno preso forma.

Rotterdam, città del futuro sostenibile, sarà la seconda meta. E' già in fase di stesura ed entro la fine dell'anno sarà pronta. Quindi, archi/design/travel-addicted..

Sostenete le WEarch_maps!

A quoi va servir le financement ?

WEarch_maps è un progetto al 100% indipendente.

Inutile quindi soffermarsi sulla mole di lavoro necessaria per riuscire a concretizzare il progetto. Dalle ricerche preliminari agli studi sul campo, dall'ideazione e progettazione alla fase finale di stampa. 

All'interno delle ricompense, oltre all'oggetto mappa/guida vero e proprio, troverete anche cartoline e segnalibri, tutti con layout e grafiche in coordinato, su cartoncino patinato opaco da 300 gr., dedicati alle emergenze architettoniche della prima destinazione (Porto) e alle tecniche e materiali costruttivi autoctoni.

Nello specifico, i fondi raccolti serviranno a coprire:

  • costi di tipografia per le copie cartacee delle prime stampe di WEarch_maps (destinazione Porto)
  • gadget e merchandise (tra cui segnalibri e cartoline)
  • costi di impaginazione e di tipografia per le versioni di prova di WEarch_maps
  • costi per la promozione di WEarch_maps presso eventi, fiere, festival    
  • costi di mantenimento pagine sito e pagine social WEarch_maps
  • costi accessori per organizzazione trasferte

À propos du porteur de projet

Enrico. Sulla carta, ingegnere edile/architetto. Agli effetti, grafico/creativo.

WEarch_maps è un progetto che nasce da una vita. La passione per il viaggio, l’architettura, la grafica, la fotografia e l’irrefrenabile smania di conoscere e arricchirsi mi hanno sempre portato a studiare e conoscere i luoghi in tre fasi distinte ma complementari. 

Prima, durante e poi. 

L’organizzazione di un viaggio è per me parte del viaggio stesso. Questo e la latitanza, di fatto, di prodotti pratici dedicati al contemporaneo e a mete più defilate sono stati i fattori che mi hanno sempre spinto alla creazione di guide e mappe personalizzate: oggetti propri, irripetibili, perché specchio di inclinazioni e gusti non sempre omologati.

Il progetto ha visto e vede coinvolta una sola persona: il sottoscritto. Con la dovuta pazzia e la voglia di condividere quanto visto con chi sa veramente apprezzare il Bello.

Nel concreto, il progetto di WEarch_maps ha iniziato a plasmarsi cinque anni fa. Da quel momento, ha assunto svariate forme e ha subito drastici cambiamenti e scremature. La definizione di un target di nicchia è scaturita dalla volontà di proporre qualcosa di nuovo, un prodotto che ancora non c’è, con la cui assenza mi scontro ogni volta che devo programmare un viaggio.

Tutto quello che trovate in WEarch_maps è frutto della mia personale esperienza. Un prodotto indipendente, dai contenuti alle proposte, dalle grafiche alla stampa.

WEarch_maps è il riassunto di quello che sono e di quello che mi piace. E’ il concretizzarsi del mio modo di vivere il mondo. 

Scoprire, elaborare e, in terza istanza, produrre.

WEarch_maps lo trovate anche su Instagram e sulla pagina dedicata del mio sito After8.

Share Suivez-nous